Slider

SCELTI PER VOI: Ti darò il sole

lunedì 29 gennaio 2018




“Lei emana luce. Io emano buio.
(RITRATTO, AUTORITRATTO: Gemelli. La Luminosa e l’Oscuro).

La lista dei libri folgoranti non può essere lunghissima, perché quella postazione si guadagna difficilmente. Sono tanti i libri belli, ma solo alcuni oltrepassano la membrana delle emozioni più profonde, dopodiché germinano e diventano una parte della vita stessa, come le esperienze che lasciano traccia.
Io ti darò il sole, per me, è uno di questi.

Sono i ragazzi a narrare in prima persona, i due fratelli adolescenti. I fatti si mescolano agli stati d’animo in conflitto. La fatica ad affermarsi si somma agli sforzi per evitare i bulli surfisti e le fastidiose vespa-girl, a farsi accettare dai genitori che come sempre “non capiscono”. Un figlio non dovrebbe sentirsi un ombrello rotto, ma fa parte del passaggio di iniziazione anche quello. I ruoli che assumono i protagonisti, che paiono netti, sono in realtà ancora molto indefiniti e possono anche ribaltarsi. 

L’adolescenza è il periodo più artistico dell’anima, quando per plasmarsi e potersi finalmente riconoscere davanti a uno specchio, si cambiano mille volte le carte in tavola, si comincia poi si butta tutto all’aria per ricominciare ancora, finché non emerge quell’io autentico, che era tanto difficile da scovare.

La storia narrata da Jandy Nelson ha indubbiamente una meta, è addirittura un giallo per certi aspetti, ma è così succoso il cammino per raggiungerla che non viene voglia di arrivare in fretta al traguardo.
La narrazione compie balzi temporali e anche la prospettiva muta, altalenando il punto di vista tra i due protagonisti: Noah e Jude, i due gemelli. Quindi il racconto procede a due voci e pure distaccate negli anni: i tredici anni di Noah e i sedici anni di Jude, finché il tempo non li ricongiunge. Una lettura difficile o impegnativa? Nemmeno un istante.

L’istante appunto è il tempo che pare assorbire il lettore. I personaggi condividono in un modo così intenso le proprie emozioni, che il tempo si fonde continuamente nell’istante più importante. Ogni momento, scelta e passo che compiono i due ragazzi, sono attimi essenziali della rispettiva crescita e consapevolezza. La storia infatti si svolge dai tredici ai sedici anni dei protagonisti, età fumosa per eccellenza, figuriamoci con in mezzo un evento che li stravolge.

La turbolenza che scuote tutti i personaggi parte dagli adulti, che sono delle figure in secondo piano ma le loro scelte, e gli eventi che generano, trascinano tutti in un baratro e carica di fardelli i due fratelli che, da sempre affiatati, finiscono per negarsi, snaturarsi, fino a non riconoscersi più. 

Segreti e verità distorte si srotolano lungo le pagine ma quello che conta è ogni momento vissuto, denso, riportato con abilità cinematografica quasi, come se il lettore lo potesse davvero sperimentare. Le emozioni provate da Jude o da Noah, lasciano un segno, uno sguardo privilegiato nella loro intimità. Sono personaggi intensi, come vorrei incontrare in ogni libro, li potevo scorgere nitidamente mentre leggevo.

Ho apprezzato molto lo stile vivace dell’autrice, cinematografico appunto, brillante, sicuro. La parola “calzante” è anche visione: potrei dire di aver visto questo libro e non di averlo letto. 

C’è uno stretto legame nella trama e nei protagonisti con il mondo dell’arte e della creatività e aggiunge fascino all’insieme. Il talento è parte della storia, ognuno ha il proprio, anche se non sempre è evidente. Disegni, quadri e schizzi sono un po’ ovunque nella vita dei personaggi, soprattutto ci sono delle furiose pennellate in aria e nei loro stati d’animo. Noah è un artista, a tutto tondo, pensa attraverso quadri immaginari, esprime se stesso attraverso il flusso creativo continuo. Jude plasma la materia, in principio crea con la sabbia, di cui ama l’effimera durata, poi prova con la creta, vorrebbe plasmare una sfuggevole verità, ma è la creazione con la pietra, attraverso la polvere, la furia e la spaccatura, che libera se stessa e chi si ama. 

In effetti, questo è un libro con molte crepe, nei cuori. Guillelmo, lo scultore, burbero e misterioso, ritiene che una crepa, come un errore dell’esecuzione, a volte sia la soluzione per trovare la strada giusta, per far uscire nel modo migliore quela figura che vuole liberarsi dalla pietra, una sorta di nascita e redenzione insieme. E in questa storia accade anche alle persone.

Di Noah ho amato i taccuini, gli schizzi rubati, ma ancora di più i titoli che attribuisce ai quadri immaginari che raffigurano le emozioni che prova: brillanti, evocativi e spassosi. Il suo mondo fantastico è contagioso e affascinante. Allo stesso modo è amabile l’assurda presenza dei fantasmi che seguono e perseguitano Jude. Gli espedienti riparatori che lei mette in pratica non riescono a proteggerla dalla vita cui si sottrae. Sono preziose gemme che abbelliscono la storia di formazione dei due fratelli, allontanati dagli equivoci, dagli eventi tragici e dalla difficoltà di definire la propria personalità. Prima di potersi riavvicinare, devono ritrovare loro stessi.

Un libro intenso perché ricco di emozioni.

Nella storia ci sono amori grandissimi, travolgenti. Non flirt o semplici attrazioni ma vere folgorazioni. Perché è l’amore passionale e inevitabile che sbaraglia e trascina tutto e tutti. Ma c’è anche sofferenza, odio e rabbia, a volte violenta, ci sono tanti tipi di tradimento, ci sono segreti che cambiano il corso degli eventi, distruggono e sicuramente non proteggono nessuno. Ci sono incontri casuali e coincidenze…o forse non lo sono. 

Ci sono crescite personali importanti e belle, bellissime. 

C’è la consapevolezza di se stessi che rasserena persino l’orizzonte. 

E poi il libro finisce…ed è un gran peccato!

Informazioni tecniche

Titolo: Ti darò il sole
Autore: Jandy Nelson
Traduttore: L. Celi
Editore: Rizzoli
Codice: EAN 978-8817087407
Formato: 22x14 cm, copertina rigida
Pagine: 485
Prezzo indicativo: € 17,50
Età di Lettura: da 13 anni





SCELTI PER VOI: Anne Frank - Diario

venerdì 26 gennaio 2018


Di rivisitazioni, riscritture, riadattamenti del Diario di Anne Frank, ne esistono davvero molte. 
Questa mi è capitata fra le mani all'improvviso, senza che potessi ritrarmi, pensando che avrei comunque preferito l'originale. 
È stato lo sguardo di Anne che mi ha catturato, ma stavolta era uno sguardo grafico, non mediato dalle parole: lei era lì, che veniva fuori dal suo diario, chiuso sotto le mani e con la penna ancora aperta tra le dita. Mi chiedeva di entrare ancora una volta in quell'Alloggio Segreto, di fermarmi oltre le parole anche sulle immagini. E così ho fatto.


Come scrive Ari Folman, alla fine del libro, l'idea di restituire le pagine del diario in un graphic novel, è parsa fin da subito, tanto a lui, che si è occupato del testo, quanto a David Polonsky, che invece ha dato vita ai disegni, un'impresa colossale. Le ragioni, come è facile intuire, erano e sono state legate alla necessità di ridurre il testo, senza voler in ogni modo rischiare di tradire, vivisezionare, ridurre la visione complessa della realtà e soprattutto di sé stessa, che Anne maturò nel tempo passato in reclusione.



Tuttavia, nonostante i dubbi e le perplessità, il risultato è, pagina dopo pagina, straordinario. Soprattutto perché a monte del lavoro sono state fatte scelte coraggiose: vista l'impossibilità di rendere in segno grafico per intero le pagine del diario, è stato deciso di accorpare alcune date e lasciare all'intuizione dell'illustratore di individuare elementi che potessero restituire le suggestioni di quelle pagine; mentre sono state riportare per intero le pagine del diario che in ogni modo non potevano essere sublimate dalle immagini. Così, pagina dopo pagine, la voce di Anne, resta autentica, e quel gusto dell'ironia, del sarcasmo, viene potenziato dalle immagini. Ne sono testimonianza le tavole in cui Anna mette in risalto i difetti della signora Van Daan, o gli squarci di vita intima delle due famiglia, in cui accanto al sapore dell'amaro, traspare il senso del dolore e la sofferenza della reclusione. 



Non c'è nulla in questo graphic novel che lasci il dubbio su un'operazione così difficile: il tratto grafico fumettistico amplifica il suono delle parole di Anne, gli fa da cassa di risonanza, lascia echi negli occhi, e ci dice, perché ce n'è ancora tanto bisogno, che ricordare, è l'azione per quale un'immagine si sedimenta nelle cavità del nostro cuore, ci fa da strada, ci illumina il cammino, per poterci orientare, e fare il meglio perché ogni essere umano possa essere rispettato, amato, protetto anche e proprio per le sue specificità. 


Vi auguro di cuore di poter leggere il Diario di Anne Frank in versione integrale, ma anche in questa bellissima edizione.

Ari Folman è il regista di Valzer con Bashir, mentre David Polonsky ne è stato art director e disegnatore.

Informazioni

Titolo: Anne Frank - Diario
Autore: Anne Frank - Ari Folman
Illustratore: David Polonsky
Traduttrici: L. Pignatti - E. Spediacci
Editore: Gedi Gruppo Editoriale
Pagine: 149
Formato: Brossura
Età di lettura: dai 12 anni
Prezzo indicativo: euro 9,90

Per voi Piccoli Lettori Crescono






La giornata della memoria. libri per non dimenticare

giovedì 25 gennaio 2018

La legge n. 211 del 20 luglio 2000 ha istituito il Giorno della Memoria in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti.
Espressamente il fine è ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subito la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.
Ogni anno si rinnova il ricordo della Shoah.
Nel tempo quasi tutti i protagonisti diretti di quella tragedia sono scomparsi. Le loro parole restano nei libri e il testimone sta passando ai figli e ai nipoti.
L'importante è ricordare. Ecco alcuni libri che aiutano a farlo. Noi di Piccoli Lettori Crescono abbiamo creato una bibliografia per bambini e ragazzi, uno scaffale immaginario da tenere nella nostra libreria personale, una piccola biblioteca che ogni scuola dovrebbe avere. Perdonateci, se abbiamo omesso qualche titolo,  sappiamo che ogni libro è profondamente meritevole.

Giornata della Memoria per non dimenticare mai  

Libri per bambini e ragazzi


 Per saperne di più

Auschwitz di Sibille Steinbacher. Einaudi, 2005. (ET. Saggi; 1321)

Auschwitz spiegato a mia figlia di Annette Wieviorka * Einaudi, 2005. (Einaudi Tascabili. Saggi; 667)

Che cos’è l’antisemitismo? Per favore rispondete di Lia Levi. A. Mondadori, 2001

La memoria della shoah di David Grossman. Casagrande, 2000. (Interviste e saggi brevi)

La parola ebreo di Rosetta Loy. Einaudi, 1997. (Gli struzzi; 487)

La shoah in Italia di Michele Sarfatti. Einaudi, 2005. (ET. Saggi; 1322)

Biografie, diari e testimonianze

16 ottobre 1943 di Giacomo Debenedetti Einaudi, 2001. (Einaudi tascabili; 906) * da 11 anni

Al di là del ponte di Regina Zimet-Levy. Garzanti, 2003. (Saggi) * da 11 anni

Anne Frank. La voce della memoria di Elisa Puricelli Guerra. EL, 2015. (Grandissimi) * da 8 anni * novità

Anni d’infanzia di Jona Oberski. Giuntina, 2001. (Collana Schulim Vogelmann; 22) * da 11 anni

Un bambino piange ancora di Ursula Barzaghi. TEA, 2004. (Esperienze; 43) * da 14 anni

l commerciante di bottoni di Erika Silvestri. Fabbri, 2007. (Narrativa Fabbri) * da 11 anni

Diario di Anne Frank. Einaudi, 2003. (Einaudi tascabili; 1113. Classici moderni) * da 9 anni

Il diario di Dawid Rubinowicz. Einaudi, 2000. (Einaudi tascabili; 701 Letteratura) * da 11 anni

L’eco del silenzio. La shoah raccontata ai giovani di Elisa Springer. Marsilio, 2003 * da 14 anni

Gioco di sabbia di Uri Orlev. Salani, 2000 * da 9 anni

Il giorno che cambiò la mia vita di Cesare Moisè Finzi. Topipittori, 2009 (Gli anni in tasca) * da 12 anni

Ho sognato la cioccolata per anni di Trudi Birger. Piemme, 2006 * da 11 anni

Ho vissuto mille anni. Crescere durante l’olocausto di Livia Bitton-Jackson * da 11 anni
Fabbri, 2001. (I delfini Fabbri)

L’impostore di Giorgio Perlasca. Il mulino, 1997. (Intersezioni; 177) * da 11 anni

Il libro della shoah. Ogni bambino ha un nome… di Sarah Kaminski e Maria Teresa Milano. Sonda, 2009
da 11 anni

Maus di Art Spiegelman. Einaudi, 2000. (Einaudi tascabili; 795. Stile libero) * da 14 anni

Mi ricordo Anna Frank di Alison Leslie Gold. Fabbri, 2001. (I delfini; 161) * da 9 anni

Questa bambina deve vivere di Helene Holzman. Marsilio, 2005 * da 11 anni

Gli specchi della memoria

Primo Levi: l’uomo, il testimone, lo scrittore di Frediano Sessi * da 11 anni
Einaudi ragazzi, 2013. (Storia)

Ragazzi nella Shoah di Luciana Tedesco. Edizioni Paoline, 2010 * da 12 anni

Se questo è un uomo. La tregua di Primo Levi. Einaudi, 1989 * da 11 anni
(Einaudi tascabili; 2. Letteratura)

Il silenzio dei vivi di Elisa Springer * da 11 anni
Marsilio, c2001. (Gli specchi della memoria)

La storia di Anne Frank a cura di Casa di Anne Frank, Menno Metselaar, Ruud van der Rol * da 12 anni
A. Mondadori, 2011

Tu passerai per il camino. Vita e morte a Mauthausen di Vincenzo Pappalettera * da 11 anni
Mursia, 2002. (Testimonianze fra cronaca e storia. Per non dimenticare)
Romanzi, albi illustrati e racconti

La città che sussurrò di Jennifer Elvgren e Fabio Santomauro. Giuntina, 2015 * da 8 anni

L’albero di Anne di Irene Cohen-Janca e Maurizio A. C. Quarello. Orecchio acerbo, 2010 * da 9 anni

L’albero di Goethe di Helga Schneider. Salani, 2004 * da 11 anni

Anne Frank di Josephine Poole. Emme, 2005 * da 9 anni

Una bambina e basta di Lia Levi. E/O, 1997. (Tascabili E/O; 92) * da 9 anni

Il bambino con il pigiama a righe di John Boyne. Fabbri, 2006 * da 11 anni

Il bambino di Noè di Eric-Emmanuel Schmitt. Rizzoli, 2004. (La scala) * da 11 anni

Ci vediamo a casa, subito dopo la guerra di Tami Shem-Tov. Piemme, 2010 * da 12 anni

Come neve al sole di Peter van Gestel. Feltrinelli, 2007 * da 11 anni

Corri ragazzo corri di Uri Orlev. Salani, 2003 * da 11 anni

Ero una bambina ad Auschwitz di Frediano Sessi. Einaudi Ragazzi, 2015. (Storie e rime) * da 11 anni

In Svizzera la cioccolata è più buona di Marta Palazzesi. Einaudi Ragazzi, 2015 * da 8 anni *

Io e Sara. Roma 1944 di Teresa Buongiorno. Piemme junior, 2003 * da 9 anni

L’isola in via degli Uccelli di Uri Orlev. Salani, 1998 * da 11 anni

Jacob, il bambino di creta di Andrea Salvatici, illustrazioni di Eleonora Marton * da 10 anni
Einaudi Ragazzi, 2010. (Storie e rime; 420)

Un libro per Hanna di Miriam Pressler. Il castoro, 2014 * da 13 anni

Misha corre di Jerry Spinelli. A. Mondadori, 2004 * da 10 anni

Il mondo quell’estate di Robert Muller. A. Mondadori, 2009. (Junior oro) * da 11 anni

Paura sotto le stelle di Jo Hoestlandt, illustrazioni di Johanna Kang * da 9 anni
Castalia, 1997

La perfida Ester di Lia Levi. A. Mondadori, 2002 * da 9 anni
(I sassolini. Per la quarta e la quinta elementare; 13)

Portico d’Ottavia di Anna Foa, illustrazioni di Matteo Berton. Laterza, 2015 * da 6 anni *
(Celacanto)

La portinaia Apollonia di Lia Levi, disegni di Emanuela Orciari. Orecchio acerbo, 2005 * da 9 anni

La ragazza col violino di Virginia Euwer Wolff. A. Mondadori, 2000 * da 11 anni

La repubblica delle farfalle di Matteo Corradini. Rizzoli, 2013 * da 11 anni

Il ricordo che non avevo di Alberto Melis. A. Mondadori, 2010 * da 12 anni

Rosa bianca di Christophe Gallaz, illustrazioni di Roberto Innocenti * da 9 anni

Seduto nell’erba, al buio. Diario di un ragazzo italiano di Mino Milani. Fabbri, 2002 * da 11 anni

Il segreto della casa sul cortile di Lia Levi. A. Mondadori, 2001 * da 9 anni

Soldatini di piombo di Uri Orlev. Fabbri, 2003. (I delfini Fabbri; 255) * da 11 anni

La stella di Esther di Eric Heuvel, Ruud van der Rol, Lies Schippers. De Agostini, 2009 * da 9 anni Stelle di cannella di Helga Schneider. Salani, 2002 * da 9 anni
La storia di Erika di Ruth Vander Zee, illustrazioni di Roberto Innocenti * da 9 anni
C’era una volta, 2003

Tutti i giorni di tua vita di Lia Levi. E/O, 2003. (Tascabili E/O; 154) * da 11 anni La valigia di Hana di Karen Levine. Fabbri, 2003 * da 9 anni

Exodus, Leon Uris, Gallucci editore, 2012

Tra i più recenti

Ho guardato un nazista negli occhi, Kacer Kathy - Jordana Lebowitz, Edizioni Sonda, 2018

Il gelataio Tirelli, Tamar Meir e Yael Albert, Gallucci editore, 2018

Il Ciliegio di Isaac, di Lorenza Farina, Paoline Edizioni, 2017

Il Diario di Anna Frank, Racconti per non dimenticare, di Maria Giuliana Saletta, L’albero dei libri de La Spiga

L'albero della memoria. La Shoah raccontata ai bambini,di Anna Sarfatti e Michele Sarfatti, Sassolini, Mondadori 2013

La porta di Anne, di Guia Risari, Mondadori 2016

La casa che guarda il cielo, di Lorenza Farina , Marcella Brancaforte, Raffaello Editrice 2014

Lev, di Barbara Vagnozzi, Gallucci Editore 2016

SCELTI PER VOI: Buio

lunedì 22 gennaio 2018



 Succederà di nuovo. Ci saranno altri attentati in Francia, lo so. "Charlie Hebdo" è stato solo l'inizio. E c'è una cosa che mi spaventa: che tra coloro che stanno per spargere altro sangue ci sia una delle persone che ho conosciuto laggiù. Perché l'ultima cosa che voglio vedere è altro sangue. Ne ho già visto troppo. Non è possibile che Dio voglia che venga sparso altro sangue, di qualunque origine sia. Non è possibile che Dio voglia che dei musulmani uccidano così tanti musulmani, e non mi interessa se i fratelli non li considerano musulmani ma traditori dell'Islam, traditori come Redouane e me. Non posso farci niente. Ora ho una bambina di cui occuparmi, e una vita da ricostruire. Spero di poter riprendere gli studi. Non ho rinunciato all'idea di lavorare nel settore umanitario.


Si può leggere questo libro come fosse una cronaca puntuale, a volte intima e personale, dei fatti che oramai siamo abituati a inglobare e spostare velocemente in un angolo remoto della nostra memoria, sotto l'etichetta "fatti pazzeschi, assurdi, incredibili, noi no". 
Le scelte stilistiche e l'incedere della narrazione lo consentirebbero, l'autore è un fotoreporter e un giornalista, sa come maneggiare i fatti di cronaca. La narrazione scorre via lineare, senza apparenti fratture. Questa lettura ci consentirebbe di restare ancora un poco al sicuro delle nostre comode case. 
Oppure si può scegliere di convivere con le emozioni che scaturiscono dalla sua lettura: disorientamento, incredulità, senso di colpa, dolore, rabbia, speranza, e ricominciare a leggere.
Solo così i protagonisti di questa storia diventeranno nostra figlia, il fidanzato di nostra figlia, la nostra amica, l'insegnante che conosciamo, la psicologa che ci aiuterà a riportare a casa, una casa interiore oltreché reale, un'adolescente vittima di reclutamento  on-line nelle file dei jihadisti.
Maëlle ha sedici anni, una famiglia come molte: genitori divisi, un padre incapace di sostenere il peso dei suoi fallimenti, una madre oberata dalle numerose quadrature del cerchio, tra lavoro e famiglia,  una sorella più piccola, amici, primi innamoramenti, e una sensibilità profonda, che l'ha sempre portata a sentire il peso delle ingiustizie come una schiacciante responsabilità personale.
Questa sensibilità è la stessa che la fa eccellere nello studio della letteratura francese e allo stesso tempo a essere irriverente e oppositiva nei confronti degli adulti e delle autorità, che esercitano in modo pedissequo e vuoto il proprio potere. 
Maëlle è un'adolescente fragile, sensibile e sola. 
È nel distacco che sente crescere di fronte a una realtà adulta, sorda e incapace di dialogo, che si insinuano a piccoli passi, attraverso apparenti casuali contatti Facebook, le sorelle, ragazze che hanno trovato, prima di lei, nell'idealizzazione e assolutizzazione di un estremismo religioso di cui non conoscono nulla, un'ideale appunto da seguire a qualsiasi costo. 
Si stringono piano piano attorno a lei, virtualmente eppure molto intimamente, non la lasciano sola nemmeno un momento, forniscono risposte efficaci a tutti i suoi dubbi, fino a convincerla che la sua esistenza avrebbe senso solo se spesa a favore dello Sham, di quell'Oriente nel quale masse umane vengono schiacciate dall'oppressione del nemico. 
Chi sia questo nemico, chi siano davvero questi uomini e queste donne oppresse, quale sia davvero la storia della Siria, poco importa. L'importante è sentirsi viva, anche accettando di morire, per una causa idealizzata. 
È così che comincia il processo di radicalizzazione di Maëlle, che diventa Ayat, che sposa su Skype, un ragazzo, combattente francese, già partito per la Siria, che resta vedova prima ancora di arrivare anche lei in Siria, che sposa un nuovo ragazzo, il quale diventerà presto il padre di sua figlia. 
Una trasformazione drammatica che vede nella realtà pochi ripensamenti. Motivo per il quale il governo francese ha istituito un reparto di deradicalizzazione, nel tentativo di riportare indietro molti giovani francesi e dare loro la possibilità di recuperare l'umanità perduta. 
La storia di Maëlle però vuole essere anche un'occasione per ripensare, per ripensarci come adulti di riferimento e come società.
Ed è per questo motivo che risulta estremamente convincente la modalità corale della narrazione, cui l'autore dà vita, lasciando ogni capitolo a una voce narrante diversa, in uno stile asciutto, ma unico per ciascun personaggio: c'è Maëlle-Ayat, appena rientrata in Francia dalla Siria, costretta a firmare presso il posto di polizia, mattino, pomeriggio e sera; e poi Aïcha, la psicologa del reparto di deradicalizzazione, paziente ed esperta; c'è Celine, la madre di Maëlle, ma anche Amina, una delle sorelle, che giura vendetta contro Maëlle e Redouane, per essere fuggiti dalla Siria, diventando traditori, ma che racconta anche quell'intimo senso di solidarietà e vicinanza che si prova nel condividere il sentirsi parte di un disegno di assoluta perfezione; c'è la voce dello stesso Redouane, un ragazzo che comprende molto presto di essere stato manipolato, di essere parte di un circo, come lui stesso lo definisce, e di avere valore solo perché appartenente alla categoria dei combattenti stranieri, da esibire in foto e filmati falsi; c'è l'insegnante di Maëlle, Frédéric de Silva, che sente il peso di non essere riuscito a comprendere in tempo; e infine c'è Ayat, che non è più Maëlle, ma che vuole ricominciare, anche facendo tesoro del dolore e della devastazione personale e collettiva cui la sua scelta l'ha condotta.
È un racconto corale appunto, dove ognuno, e qui sta la sapiente cura del narratore, ha la sua voce, la sua storia da raccontare, nella convinzione, questa sì davvero assoluta, che solo la narrazione, come competenza unica e specifica della nostra specie, ci possa garantire di restare o tornare a essere nuovamente umani. 
Perché è nella condivisione delle storie, nel potere che esse hanno di attivare i nostri neuroni-specchio, e quindi la capacità di sentire il dolore, la rabbia, la solitudine, la gioia, la vita, anche attraverso gli occhi e il corpo dei nostri compagni di viaggio, che si attua la possibilità di una salvazione reciproca anche quando tutto sembra perduto.
Maëlle si salva, grazie a una narrazione, che passa per un ricordo, un sapore dolce sperimentato durante l'infanzia, una torta di mele e cannella, con gelato alla vaniglia, il suo dolce preferito. Sua madre lo sta preparando quando lei dalla Siria decide di chiamarla: è in quel momento che qualcosa si insinua nella sua mente e la riporta a casa. Non sarà più davvero Maëlle, sarà Ayat, come ha deciso di chiamarsi convertendosi all'Islam, ma avrà comunque una storia da raccontare, a sé e alla figlia che porta in grembo.
È libro coraggioso questo, che bisognerebbe portare nelle scuole, leggere con i ragazzi e le ragazze, raccontare loro e con loro, attuando così di nuovo quel processo corale di narrazione cui ogni storia è vocata.
Questo ha fatto Patrick Bard, come si legge alla fine del libro, quando ha sentito l'urgenza di scrivere la storia di Maëlle, dopo aver perso un'amico nell'attentato alla redazione di Charlie Hebdo, e dopo la partenza per la Siria e per la jihād, di un giovane, che conosceva poco, ma che in quel modo è diventato suo prossimo.
Non abbiate timore alcuno di proporre questo libro ai vostri ragazzi e alle vostre ragazze: loro, e noi insieme, abbiamo bisogno che qualcuno ci racconti che esiste la paura, la desolazione, la solitudine, il dolore, ma che possiamo anche trovate un modo per affrontarli e magari vincerli. 

Il libro è nella cinquina dei finalisti per il premio Mare di Libri 2018.

Informazioni tecniche
Titolo: Buio
Autore: Patrick Bard
Traduttrice: Claudine Turla
Editore: EDT-Giralangolo 
Collana: Narrativa Ragazzi
Pagine: 160
Formato: brossura
Età di lettura: dai 14 anni
Prezzo indicativo: euro 15
Codice EAN: 9788859238706


Per Piccoli Lettori Crescono






SCELTI PER VOI: Sai fischiare, Johanna?

mercoledì 17 gennaio 2018


Berra ha sette anni e non ha mai avuto un nonno. Non sa nemmeno a cosa possa servire. E quando il suo amico Ulf, che ne ha uno fantastico, gli spiega che un nonno è una persona che ti porta a pescare e ti offre un caffè e ti dà la paghetta persino il giorno del suo compleanno, Berra decide che ne vuole uno anche lui. Ma dove può trovarlo? Facile: in una casa di riposo. Lì di vecchietti c’è pieno, praticamente puoi scegliere quello che vuoi!

Così Berra, lavato, profumato e armato di un fiore di calendula che ha rubato nel giardino del vicino, entra nella casa di riposo, conosce il simpatico Nils e decide che il suo nonno sarà lui. Si assomigliano tantissimo, in fondo, hanno tutti e due un cerotto sul mento. Fin da subito scoprono di piacersi, imparano a conoscersi e a sorprendersi e a volersi bene. Insieme, Ulf, Berra e Nils passeranno momenti bellissimi e spensierati, a gustarsi caffè e dolci alla cannella, a costruire aquiloni che aspettano il primo soffio di vento per prendere il volo, a donarsi sorrisi e tenerezza, a inventarsi feste di compleanno solo per avere una scusa per arrampicarsi sugli alberi a rubare ciliegie, proprio come faceva nonno Nils da bambino.

Un racconto dolce e pieno di umorismo, come ci si aspetta da Ulf Stark, vincitore di tanti premi e considerato uno dei più grandi scrittori svedesi per l’infanzia. Un autore capace di trovare il giusto tono per parlare ai bambini dei piccoli e grandi problemi che ci riserva la vita. È con grande delicatezza che in questo romanzo affronta la vecchiaia, la solitudine e la morte e apre gli occhi sulla realtà: una realtà dove la grande voglia di vivere di nonno Nils non riesce a essere più forte delle perdite di memoria e di un cuore che ogni tanto fa i capricci.

Visto attraverso gli occhi di Ulf, una sorta di alter ego dell'autore, l'incontro tra Berra e Nils ci fa sorridere e divertire. Ci fa mettere nei panni di un bambino affettuoso e pieno di curiosità e di un vecchietto che si rimette in gioco in un ruolo che per lui sembra nuovo, perché forse il nonno non l'ha fatto mai. Ma soprattutto ci fa capire che ognuno di noi ha sempre qualcosa da insegnare agli altri, spesso senza saperlo e senza volerlo. Anche se nonno Nils sa benissimo quello che sta facendo quando decide di insegnare a Berra a fischiare. Sa che sta esaudendo un desiderio, che sta dando al suo nuovo nipotino un motivo per sentirsi fiero di sé, che gli sta affidando la sua chiave per affrontare la vita, perché fischiando i momenti tristi appaiono un po' meno brutti, i ricordi più luminosi, gli addii più lievi.

Informazioni tecniche

Titolo: Sai fischiare, Johanna?
Autore: Ulf Stark
Illustratore: Olof Landström
Traduttrice: Laura Cangemi
Editore: Iperborea
Pagine: 60
Formato: brossura
Età di lettura: da 7 anni
Prezzo indicativo: €9,00
Codice EAN: 9788870912319

Per Piccoli Lettori Crescono

Puoi leggermi anche qui

DAL LIBRO ALLO SCHERMO: Wonder.Il Potere della Gentilezza

mercoledì 3 gennaio 2018


Ho sempre pensato che i bambini siano i nostri veri maestri di vita.
I bambini sono le poche persone serie che affrontano il mondo con il sorriso anche nelle situazioni più difficili.
Con il sorriso e la gentilezza.
C'è un dilagante costume che inneggia all'aggressività, all'attacco alla giugulare.
Dice il proverbio che se la volpe non riesce a raggiungere l'uva dice che è acerba. 
E dell'acerbo, dell'acidità, si ciba quotidianamente un modello che va per la maggiore al giorno d'oggi: il rancoroso cronico.
Il grande rancoroso lo troviamo dappertutto, dalla tv al web, dal pubblico al privato, in strada o in ufficio, per non parlare dei social, dove non perde l'occasione di sbatterci in faccia o urlarci la sua rabbia, le sue frustrazioni, accusando senza interrogarsi, senza fermarsi, senza sapere il come o il perché, l'importante è affondare i denti.
Se lo avete riconosciuto o ne avete uno a fianco, fategli trovare nella calza della Befana il libro Wonder e un biglietto per vederlo anche al cinema. 
Sì, perché a questo grande e diffuso rancore, ai portatori di livore che serpeggiano attorno la risposta è sempre la gentilezza.
Quella gentilezza di cui i bambini o chi appartiene a questa categoria di spirito  sono portatori sani.
Ci sono almeno quattro fatti meravigliosi in Wonder.
Il primo,  appena citato, l'incredibile potere del garbo.
Il secondo il dipingere i genitori di Auggie il bambino protagonista come delle "sliding doors", delle porte scorrevoli. Infatti, la loro funzione principale all'interno della storia è sia quella di proteggere Auggie e la sorella Via  dalle brutture del mondo, sia quella di lasciarsi attraversare, in modo che i figli vadano oltre al caos della vita. Il terzo che ribadisce come la scuola sia – ancora - il luogo più importante dell’educazione e della crescita personale, e, infine, il quarto che rivendica una morale che non ci si stanca mai di sentire. L’ironia, l’intelligenza, l’amore, sono i mezzi con cui si reagisce alle durezze della vita, passando da una situazione di debolezza a una di forza.
Il film di Stephen Chbosky non tradisce la storia. È molto fedele. Si trova lo stesso tono caustico, irriverente, mai vittimistico del romanzo, che  contribuisce a irrobustire il  livello di immaginario creando il mondo del protagonista ancora più forte, preciso, caldo e accogliente anche divertente del romanzo e che cambia radicalmente la nostra prospettiva di guardare. Nella pellicola  c’è grande fedeltà anche all’aspetto più importante del libro: la diversità che diventa nel corso del film da motivo di sospetto e di diffidenza, a qualità imprescindibile da cercare, sottolineando l'unicità della persona.

Non mi resta che dirvi per favore, leggetelo, regalatelo e andatelo a vedere, non ve ne pentirete.
Grazie

Vetrina-menù: le ultime sui libri per bambini e ragazzi

lunedì 1 gennaio 2018

Bentornati piccoli e grandi amici lettori. Iniziamo questo mese di gennaio con un’altra carrellata di albi illustrati e narrativa per bambini e ragazzi scelti dalla nostra redazione. 
Buon Anno e Buone letture a tutti!

Per ordine alfabetico:

365 pinguini
Il primo giorno dell'anno, alle nove del mattino, suona il campanello. È un fattorino. Apro il pacco e trovo un pinguino. Chi avrà mandato questo strano regalo? Il giorno dopo, una nuova visita del fattorino e un nuovo pinguino viene recapitato a casa della famiglia del protagonista. Cosa conterrà il pacco recapitato il terzo giorno? Un altro pinguino! Alla fine del mese i pinguini sono 31, entro l'estate più di 200. I problemi si moltiplicano: come si fa a dar da mangiare a tutti? Come si accudisce un pinguino? Come si fa a tenere a bada i vicini che cominciano a lamentarsi? Solo alla fine dell'anno e al 365esimo pinguino si scoprirà chi c'è dietro a queste strane e ingombranti spedizioni! Ma un altro anno è alle porte: cosa conterrà il grosso pacco che arriva di nuovo il primo gennaio?
Autore: Joelle Jolivet
Editore: Il Castoro
Collana: Il Castoro bambini
ISBN-10: 8880333801
ISBN-13: 978-8880333807
Pagine: 48
Formato: rilegato
Età: dai 4 anni
Prezzo:€ 18,00 circa

Cercando Juno
Joseph, padre a tredici anni, non ha mai visto la figlia Juno, data in adozione alla nascita. Joseph non ha avuto una vita semplice: di sua madre sa pochissimo, il padre è alcolista e violento. Dopo un periodo in riformatorio, viene assegnato a una famiglia affidataria nel Maine: qui scopre per la prima volta cosa significa essere accolti senza pregiudizi e cosa si prova ad avere qualcuno che stia dalla tua parte. Grazie ai suoi nuovi genitori e al fratellino dodicenne ritrova se stesso e un nuovo rapporto di fiducia verso gli altri. E questo gli rende ancora più difficile stare lontano dalla piccola Juno. Questa è la storia di un ragazzo ferito, di un padre ritrovato e del suo grande amore…
Autore: Gary D. Schmidt
Editore: Piemme
Collana: Il battello a vapore. Vortici
Lingua: Italiano
ISBN-10: 885665203X
ISBN-13: 978-8856652031
Pagine: 168
Formato: brossura
Età: dai 12 anni
Prezzo:€ 12,00 circa

Crossover
Josh Bell ha 12 anni, una testa piena di dreadlock e un talento naturale per il basketball. Lui e suo fratello gemello Jordan sono i principi del campo. Ma oltre al basket, nelle vene di Josh scorre anche il beat, con cui racconta in versi veloci e furiosi la sua difficoltà ad attenersi alle regole, in campo come nella vita. Ma chi sfida le regole spesso non si rende conto che il prezzo da pagare può essere altissimo, non solo per lui ma anche per chi gli sta accanto…
Autore: Kwame Alexander
Editore: Giunti Editore
Formato: brossura, 252 pagine
ISBN-10: 8809850149
ISBN-13: 978-8809850149
Età: dai 12 anni
Prezzo:€ 12,00 circa

Fergal è arrabbiato!

Fergal è un draghetto simpatico. Se però qualcuno gli ordina di fare una cosa, gli viene una rabbia... ma una rabbia... incontenibile!
Autore: Robert Starling
Editore: Lapis
Formato: rilegato, illustrato a colori, 30 pagine
ISBN-10: 8878745839
ISBN-13: 978-8878745834
Età: dai 4 anni
Prezzo:€ 14,00 circa

Greta grintosa
Greta Grintosa, che con la sua travolgente energia organizza da sola la festa di Natale per la nonna malata, Bertil che scopre che sotto il suo letto nella vecchia tana di un topolino vive un bambino alto un pollice che ha bisogno del suo aiuto, Göran che si è fatto male a una gamba ed è costretto a letto, ma ogni sera vive mille avventure volando sopra la città con il signor De Gigliis, la principessina Lise-Lotta che possiede un mondo di giocattoli bellissimi, ma desidera solo fuggire dal castello e poter conoscere altri bambini, il piccolo Kalle che è l'unico a non aver paura quando un grande toro scappa dal recinto, perché lui sì che sa come farselo amico... Ecco, dieci piccoli irresistibili eroi che con il potere della fantasia superano ogni ostacolo della realtà quotidiana, imparando a guardare il mondo con altri occhi, o forse a capirlo meglio degli adulti per affrontarlo con un sorriso! Da Astrid Lindgren una raccolta di racconti, alcuni dei quali contengono le prime versioni dei suoi personaggi più famosi. Un inno alle avventure, all'intraprendenza e alla libertà dell'infanzia.
Autore: Astrid Lindgren
Editore: Iperborea
Collana: I miniborei
Formato: brossura, illustrato, 130 pagine
ISBN-10: 8870912302
ISBN-13: 978-8870912302
Età: dai 6 anni
Prezzo:€ 13,00 circa

I mondi di Albie Bright
Alla morte della mamma, un piccolo buco nero si apre nel cuore di Albie. E quando il papà - che, come la madre, è un noto scienziato - gli rivela che secondo la fisica quantistica lei è ancora viva in qualche universo parallelo, Albie non riesce a smettere di pensare a come fare per rivederla. Con la Teoria della banana quantistica (lo sapete che le banane sono radioattive?), trasformerà uno scatolone nella porta per un'altra dimensione e viaggerà tra universi identici al suo se non per una piccola differenza. Qui incontrerà imprevedibili versioni di se stesso: un Albie cattivo, una geniale Albie femmina e la mamma di un Albie che non c'è più. E scoprirà che siamo tutti fatti di polvere cosmica e che guardando il cielo vi troveremo sempre le persone che amiamo…
Autore: Christopher Edge
Editore: Mondadori
Collana: I grandi libri
Formato: copertina rigida, 149 pagine
ISBN-10: 8804679859
ISBN-13: 978-8804679851
Età: dai12 anni
Prezzo:€ 17,00 circa

L'ultimo viaggio
Simone, poco più che adolescente, tiene per mano il piccolo Mietek. Insieme ai loro compagni dell’orfanotrofio -mesti, ma la testa alta e una canzone sulle labbra- stanno attraversando le strade di Varsavia per raggiungere l’altra parte, il ghetto. Così hanno ordinato gli occupanti tedeschi. A guidare quella comunità, come sempre, Pan Doktor, il dottor Korczak. Non la fame, né le malattie, e neppure le sadiche angherie naziste riescono a intaccare i principii e le pratiche della loro convivenza. Nel prendersi cura di Mietek, Simone gli racconta della Repubblica dei bambini, con tanto di Parlamento, Codici, Tribunale. E poi del giornale murale, delle sedute di lettura, delle rappresentazioni teatrali, delle vacanze alla colonia estiva… Quel treno che li preleva nell’estate del 1942, però, non in campagna li avrebbe portati ma nel lager di Treblinka.
Autore: Irene Cohen-Janca
Editore: Orecchio Acerbo
Formato: rilegato, albo illustrato, 64 pagine
ISBN-10: 8899064024
ISBN-13: 978-8899064020
Età: da 8 anni
Prezzo:€ 16,90 circa

La città della stella
Honza è un ragazzo di quattordici anni, "l'età dei giochi". Porta una stella cucita sul cappotto, una stella che non ha scelto di indossare e che proprio non gli piace. Come non piace a tutti i bambini e le bambine di Terezín: la città della stella. Vorrebbero strapparla via dai vestiti, e sentirsi finalmente liberi. Ma possono farlo solo per gioco, per finta, mentre mettono in scena la storia di Brundibar, sorretti dalla musica di uno sgangherato pianoforte e dall'affetto di uno zio che si occupa di loro. A volte disegnano, anche se non hanno colori, oppure cantano in coro. E le note della musica si alzano in volo libere come farfalle. Quella di Honza e dei suoi amici è una storia di speranza, di desiderio di libertà, di avversione alla barbarie della guerra…
Autore: Sebastiano Ruiz Mignone
Editore: EGA-Edizioni Gruppo Abele
Collana: I bulbi dei piccoli
ISBN-10: 8865791071
ISBN-13: 978-8865791073
Formato: rilegato, illustrato, 64 pagine
Età: dai 6 anni
Prezzo:€ 18,00 circa

La bussola d'oro
La bussola d'oro è il primo romanzo della trilogia “Queste oscure materie”. Quando apparve nel 1995 riscosse immediatamente un enorme successo di pubblico e critica: la ricchezza dello stile, la profondità dei temi, la bellezza dei personaggi e soprattutto la vastità di un immaginario che coniuga il romanzo d'avventura e di formazione con i quesiti fondamentali della nostra filosofia: il destino e il libero arbitrio, il caso e la necessità, ne fecero un caposaldo della letteratura per ragazzi, letto e discusso anche dagli adulti, da critici letterari, da scrittori d'eccezione. Oggi, vogliamo riproporlo perché è un classico che va ben oltre il genere e la definizione di fantasy. Lyra è un'eroina, sventata e intrepida, intelligente e curiosa, in grado, con le sue risorse di ragazzina, di decifrare la verità dietro le macchinazioni dei potenti e di varcare il confine tra realtà e mondi diversi. I daimon - forme viventi dell'animo umano - gli orsi corazzati, le streghe sono personaggi icastici e indimenticabili, e l'universo creato da Pullman sfida la nostra immaginazione e stimola il desiderio di riflettere, confrontarci, capire …
Autore: Philip Pullman
Editore: Salani
Collana: Mondi fantastici Salani
Formato: brossura, 354 pagine
ISBN-10: 8867158813
ISBN-13: 978-8867158812
Età: dai 10 anni
Prezzo:€ 10,00 circa

Lena, Trille e il mare
“Certe volte Lena sa rendersi proprio antipatica! Perché fa sempre la difficile?” È quello che si domanda Trille, il suo migliore amico, che quest'anno ha il cuore in subbuglio per l'arrivo di Birgitte, dolce ragazzina venuta dall'Olanda. Eppure Lena ha tanti motivi per essere arrabbiata: il nuovo allenatore di calcio la tiene sempre in panchina, il fratellino che tanto desidera non arriva mai e la spedizione all'Isola delle Foche con la nuova zattera si rivela un fiasco. E il Nonno? Che brutta disavventura lo aspetta in mare! Il racconto di un anno tumultuoso, nel corso del quale Lena, Trille e il Nonno dovranno combattere contro le forze della natura e contro se stessi.
Autore: Maria Parr
Editore: Beisler
Collana: Il serpente a sonagli
Formato: brossura, 192 pagine
ISBN-10: 8874590555
ISBN-13: 978-8874590551
Età: dai 10 anni
Prezzo:€ 14,00 circa

Perché io sono io e non sono te?
Chi ha creato Dio? Perché esiste il denaro? È interessante morire? È possibile che la mia vita sia soltanto un sogno? Il niente esiste? Perché dobbiamo amare anche gli altri e non soltanto noi stessi? Tomi Ungerer risponde alle domande filosofiche dei suoi piccoli e saggi lettori con l'irriverente confidenza del grande artista, che non ha mai rinnegato il proprio bambino interiore. Le sue risposte sorprendono, divertono, provocano, ma soprattutto suscitano la voglia di pensare…
Autore: Tomi Ungerer
Editore: Feltrinelli
Collana: Varia
Formato: rilegato, illustrato, 176 pagine
ISBN-10: 880749227X
ISBN-13: 978-8807492273
Età: dai 7 anni
Prezzo:€ 19,00 circa

Qui con te
Le stelle appartengono alla notte, le balene al mare, le lepri alla brezza del deserto. Tu appartieni al luogo che ami. E non importa dove te ne andrai: alla fine di ogni giorno sarai sempre accanto a me e io accanto a te…
Autore: Isabelle Arsenault
Editore: Terre di Mezzo
Collana: Acchiappastorie
Formato: rilegato, albo illustrato, 32 pagine
ISBN-10: 886189433X
ISBN-13: 978-8861894334
Età: dai 4 anni
Prezzo:€ 15,00 circa

Roar! Come diventare un leone
Come si ottiene un diploma da leone? Semplice: ci sono 7 importantissime lezioni da seguire e tanto allenamento da fare. Bisogna essere intrepidi e coraggiosi, agili e scaltri, imparare a ruggire, correre e saltare. Ma anche essere degli amici fedeli e mangiare le cose giuste. E tu sei pronto a diventare un perfetto leone? Un libro per tutti i cuccioli in crescita!
Autore: Jon Agee
Editore: Il Castoro (3 novembre 2017)
Collana: Il Castoro bambini
Formato: rilegato, albo illustrato, 32 pagine
ISBN-10: 8869662527
ISBN-13: 978-8869662522
Età: dai 3 anni
Prezzo:€ 13,50 circa

Se
Il messaggio di un padre al figlio, leggero come una musica, intenso come una preghiera, forte come un testamento. Per trasmettergli il dono più prezioso: la sua umanità…
Autore:Rudyard Kipling
Copertina rigida: 40 pagine
Editore: Einaudi Ragazzi
Collana: Einaudi Ragazzi
Formato: rilegato, illustrato a colori, 40 pagine
ISBN-10: 8866564109
ISBN-13: 978-8866564102
Età: dai 7 anni
Prezzo:€ 18,00 circa

CopyRight © | Piccoli Lettori Crescono - Book Avenue KIDS
Privacy Policy https://bookavenue.it/privacy.html