Slider

SCELTI PER VOI: 21 giorni alla fine del mondo, La cacciatrice di fossili, Ippovolpe, Il potere delle parole

sabato 28 settembre 2019



Quattro libri che fanno parte delle recenti letture, ognuno mi tocca da vicino, sono scelti seguendo un filo personale di sintonia, familiarità e momento particolare, adeguati al nuovo inizio di anno scolastico e alle nuove e vecchie amicizie che si incontrano.

21 giorni alla fine del mondo

La storia è nata dal fortunato sodalizio Vecchini-Sualzo, è una graphic novel ambientata sulle sponde del Lago Trasimeno che, da umbra, ho nostalgicamente ripercorso. Un luogo che evoca tranquillità per le sue onde contenute e placide, ma che nasconde anche mutevolezze improvvise e qualche insidia, solo la bellezza resta salda. I protagonisti sono due adolescenti, Lisa e Ale, e una ragazzina, Rima, più piccola, che per proteggersi dalla solitudine crea la corrente veloce che smuove le acque di tutta la storia. Il tempo è un conto alla rovescia, incede verso l'atteso Ferragosto, le giornate scorrono tra impegni, attese, riflessioni e la smania urgente di capire. Lisa avverte un irresistibile bisogno di verità: c’è un segreto che deve essere rivelato, ma anche un’esigenza più adulta. L’amicizia tra Lisa e Ale è il fulcro di tutto, si è interrotta e ritrovata senza indugio, riporta subito a galla i vecchi interessi comuni e il progetto: la zattera da costruire. In passato anche il Karate li aveva uniti, ma per Lisa ora è diventato più di uno sport, è proprio una disciplina da applicare alla vita, è soprattutto una risorsa, una spinta a "rialzarsi sempre", come recita il ventunesimo precetto. Lisa ricerca, segue gli indizi, e alla fine, con l’intrusione deflagrante di Rama, la verità affiora, e siccome si tratta di una verità potente, è di grande aiuto poterla condividere per farsi forza reciprocamente. I colori sono caldi eppure rimandano a quella sensazione di fine estate. La storia entra ed esce dall’infanzia, rivela tutta la fragilità, che è fragorosa come i fuochi di Ferragosto, ma è meraviglioso scoprire insieme che il mondo non finisce. Un libro delicato, sulla speranza.

Informazioni tecniche
Titolo: 21 giorni alla fine del mondo
Autore: Silvia Vecchini
Illustrazioni: Sualzo
Editore: Il Castoro
Codice: EAN 9788869664366
Formato: 21x14,5 cm, brossura, copertina flessibile
Pagine: 207
Prezzo indicativo: Euro 15,50
Età di Lettura: da 11 anni

La cacciatrice di fossili, Mary Anning si racconta

Questa biografia è stata una appassionante lettura su uno dei miei più grandi interessi: i fossili. La storia di Mary Anning è affascinante quanto le sue importantissime scoperte scientifiche. Nonostante l’incompleta conoscenza di studi scientifici, Mary contribuì con sorprendenti scoperte allo sviluppo delle nuove scienze: la geologia e, soprattutto, la paleontologia. Il suo lavoro di ricerca e raccolta, le sue intuizioni, hanno avuto un peso determinante in ambito scientifico. Cominciò a interessarsi a questi strani segni del passato da bambina, seguendo il padre nelle scogliere del Dorset. Quello che per molti era solo un cumulo di pietre curiose, per lei era già l’indizio di preziosi resti di vita antica e misteriosa, erano prove di una varietà di esseri antichi e diversi da quelli attuali, acquisì quindi l'intuizione che conduceva gli scienziati del tempo verso le nuove teorie di evoluzione naturale e di estinzione. La sua condizione di donna fu un ostacolo, non le vennero riconosciuti i giusti meriti. Fu lei a portare alla luce il primo ittiosauro e il plesiosauro, e sebbene a malincuore, anche Georges Cuvier dovette ammetterne l’importanza e finalmente la citò in una pubblicazione scientifica. Mary Anning era animata da una passione grande, che può ispirare chi ama già la preistoria e chi deve ancora scoprirne il fascino, ai miei occhi, innegabile. Un libro piacevole e interessante, scritto da Annalisa Strada, che ha reso la biografia vivida al punto di voler incontrare la protagonista per poterle stringere la mano, con ammirazione.

Informazioni tecniche
Titolo: La cacciatrice di fossili, Mary Anning si racconta
Autrice: Annalisa Strada
Illustrazioni: Daniela Tieni
Editore: Editoriale Scienza
Collana: Donne nella scienza
Codice: EAN 978887307936
Formato: 20x14,5 cm, brossura, copertina flessibile
Pagine: 105
Prezzo indicativo: Euro 12,90
Età di Lettura: da 11 anni

Ippovolpe


L'albo contiene un paesaggio innevato, che è più aderente allo stato d'animo che all'ambientazione, quindi calza a pennello con settembre. Ippovolpe lascia orme diverse da tutti, non assomiglia a nessun altro animale e si sente un po' solo e spaesato, come potrebbe accadere in una nuova scuola. Il panorama candido confonde l'orientamento e i confini, il tratto delle illustrazioni di Alessandra Manfredi è lieve e gioca con il contrasto, il materico e le orditure. L'incontro con Volpe fornisce un nuovo punto di riferimento per lo strano animale, gli mostra il nuovo mondo che lo circonda. Sembra tutto molto bello e interessante, lo stupore tocca ogni cosa, tra dettagli nascosti e tutti i sensi, è piacevole anche perdersi tra le foglie e ancora di più ritrovarsi. Eppure, anche se intorno a Ippovolpe ci sono altri amici, tutti diversi tra loro e gioiosi, sente che gli manca qualche cosa. L'incontro più importante arriva e risponde alle domande non ancora soddisfatte: chi sono? Chi sei? Che sogni fai? Ippovolpe incrocia nella sua ricerca proprio lei, la persona speciale, con cui fondersi e riconoscersi. In questo modo il freddo di una stagione confusa, insicura e anche un po' paurosa, resta chiuso fuori e prevale la piacevolezza del tepore: l'amicizia, la sintonia e l'accoglienza sono una grande coccola morbida, come una coperta calda.

Informazioni tecniche
Titolo: Ippovolpe
Autrice: Fulvia Degl'Innocenti
Illustrazioni: Alessandra Manfredi
Editore: Pane e Sale, Edizioni Theoria
Codice: EAN 9788894858396
Formato: 25,5x25,5 cm, copertina rigida
Pagine: 29
Prezzo indicativo: Euro 14,00
Età di Lettura: da 4 anni.



Il Potere delle parole


Quanto contino le parole, lo sappiamo bene, anche se c'è chi lo dimentica, soprattutto di questi tempi, ma che abbiano un peso e un potere va ricordato, è un passaggio di saggezza buona, necessaria. Il potere delle parole può essere negativo o positivo, segna e cambia una persona. Ci sono parole pesanti come sassi, che schiacciano e altre leggere che fanno stare bene, fanno volare, altre parole rimangono appiccicate addosso. La scelta delle parole è importante, questo albo lo mostra in un modo molto efficace, è un progetto che ho visto fiorire durante un percorso creativo, nella bozza aveva già tanta forza e delicata sensibilità, gli intenti erano evidenti dai primi schizzi di Fabiana Ottaviani, potenti da subito. Potenza è l'aggettivo che meglio descrive queste pagine, insieme all'immediatezza delle immagini, così aderenti al primo abbozzo, e dei caratteri usati in modo evocativo, semplici e allo stesso tempo vigorosi, l'insieme è stato curato da Cristina Petit. Un albo adatto anche a letture ad alta voce, da godere a casa ma anche con gli educatori a scuola, per il suo potenziale di educazione al rispetto di se stessi e di chi ci è accanto.

Informazioni tecniche
Titolo: Il potere delle parole
Autrice: Fabiana Ottaviani
Illustrazioni: Cristina Petit
Editore: Pulce Edizioni
Codice: EAN 9788832186253
Formato: 29x22 cm, copertina rigida
Pagine: 32
Prezzo indicativo: Euro 14,00
Età di lettura: da 4 anni.

Con questi libri auguro un buon inizio scolastico a tutti, con fiducia, con voglia di scoprire, con il desiderio di viverlo al meglio e in amicizia.




Buona lettura!


SCELTI PER VOI: OPHELIA

venerdì 20 settembre 2019


Ciao, Jeanne. Ti ricordi di me stamattina? In biblioteca? Ci sono andata nell'ora di francese con la mia classe, trenta alunni di seconda liceo che si trascinavano a testa bassa come un gregge di pecore dirette al mattatoio. In fondo alla biblioteca avevano sistemato delle file di sedie e un tavolo con sopra una pila di libri e un bicchiere d'acqua. Tu, la scrittrice, eri in piedi accanto al tavolo. Avevi i capelli grigi e l'aria di una che ha sbagliato indirizzo. ... Ovviamente nessuno ha aperto bocca. Non lo sai, Jeanne, che il lunedì mattina gli alunni di seconda somigliano più a molluschi senza conchiglia che a esseri umani? Tu non ti muovevi, rimanevi in attesa, sola. Non ho nemmeno alzato la mano. La voce è uscita così, graffiante. "Perché scrive? A che serve scrivere?"
Ophelia, nome d'elezione della protagonista, che i suoi compagni chiamano la stracciona, per via di tutti quegli strati di indumenti nei quali si nasconde, vive appartata, segreta, sola, come un gatto randagio. Ophelia è ferita e aggredisce se provocata, esce di notte e si tiene alla larga da ogni creatura  che possa di nuovo ferirla, anche solo con uno sguardo.
Fino a quando una scrittrice, invitata dalla scuola, a fine dell'incontro non le regala un taccuino, con la copertina blu notte. 
E Ophelia inizia un dialogo muto, con la scrittrice, ma vivo di parole e disegni, schizzi, lettere storte e contromano, con se stessa. 
Una piccola breccia si è aperta nella vita trasparente di Ophelia, che con i suoi cuori infranti tappezza i muri della  città, consumando gessetti e strati di pelle e mettendo a nudo ferite, paure, sogni, e il coraggio di chiedere a se stessa e al mondo esterno di essere ascoltata, di poter ascoltare, vedere, partecipare alla bellezza, di cui, nonostante tutto, anche lei è in cerca. 


È un percorso lento, fatto di incontri cercati, come quello con il dj della radio della sua scuola, il più bel ragazzo di tutta la scolaresca, dal quale osa recarsi, attirando sguardi velenosi di tutte le altre ragazze, per chiedere di poter collaborare al programma musicale, con le sue playlist da mandare in onda. Finisce anche lei in una lunghissima lista d'attesa, eppure anche solo questo le basta per tornare a sentirsi, a intuire la voce, che finora le è rimasta dentro a ruggire colma di rabbia e dolore. 
E poi ci sono gli incontri-scontri imprevisti, con il ragazzo ciccione dallo sguardo slavato azzurro-chiaro, che Ophelia scopre aver occupato lo stesso spazio, nel capannone abbandonato, scelto da entrambi come un rifugio per mettere a riparo i propri sogni: per Ophelia quello di disegnare figure grandi, come la sua ragazza a testa giù, rappresentata nuda sulla superficie di un mare cobalto,  per Ulysse, di poter viaggiare con Caboose, il resto di un camper abbandonato, che cerca ostinatamente di rimettere a posto.
Eppure se il quaderno e l'atelier costituiscono per Ophelia territori di intimità in cui poter sperimentare la relazione con Ulysse, il senso della fiducia, del concedersi lentamente al suo affetto, senza timore, del poter ricostruire una trama di speranza e futuro, fuori restano irrisolti e pendenti gli stessi ricordi, lo stesso senso di isolamento, e sì a volte la critica spietata e aspra nei confronti di un mondo di adulti che stanno attaccati alla superficie delle cose, per non annegare nell'incapacità di fronteggiare il nulla, che è dietro e dentro ogni cosa. 
Ma lei ha scelto di chiamarsi Ophelia perché quel nulla ha imparato ad affrontarlo, suo malgrado, dando corpo alle sue visioni interiori, alle parole su un foglio bianco o su un muro grande.
Quando scrivo in segreto nel quaderno blu notte mi sento libera di raccontarmi tutto quello che mi passa per la testa. Pensieri troppo inquietanti, talvolta troppo graffianti, per essere confidati davvero a qualcuno. Meglio così. Hai indovinato, Ophelia non è il mio vero nome. L'ho scelto perché la ragazza di Shakespeare ondeggia come la ragazza a testa in giù, che è risprofondata nell'oceano e che aspetta, immobile come un pesce di pietra.

Perché qualcosa da quelle prime pagine scritte, dai primi segni tracciati sul muro grande dell'atelier nel capannone ai margini della città è davvero cambiato, dalla ragazza dei cuori spezzati che da il titolo alla prima parte, Ophelia diventa la ragazza al diritto.
Cara Jeanne, da quando ti ho vista in televisione i miei pensieri sono meno cupi, meno angoscianti. Ho sognato che andavo a trovare la ragazza a testa in giù, nel regno degli abissi, in fondo al mare. Fluttuava nel rifugio delle profondità marine, con gli occhi chiusi. Non sono sicura che sentisse la mia presenza, ma le ho detto che le volevo molto bene, che non l'avrei mai dimenticata, e sono risalita verso la luce. ... Una cosa è sicura, i tuoi libri non mi salvano dalla morte. Mi sarebbe piaciuto, ma non è così. La tua presenza in me invece sì, forse.
Ophelia diventa la ragazza del diritto alle domande, a sua madre, che per un anno intero l'ha abbandonata a un'altra famiglia, diritto all'amore, all'espressività che si manifesta con urgenza, senza preavviso e con grande inquietudine, diritto a essere se stessa.
Solo qui, nel quaderno blu notte, scrivo a tutta velocità nella mia grafia a zampe di gallina, come se, nel segreto del quaderno, avessi un potere misterioso. Qui le parole mi vengono. Si sentono libere e folli. Scivolano, saltano, nuotano, ruzzolano, si riuniscono in grappoli, fabbricano frasi sorprendenti e parlano di quello che capita. 
Ophleia smette di essere trasparente, la relazione di amicizia con Ulysse diventa profonda, intima, intensa. Il loro rifugio diventa un luogo in cui fare famiglia insieme a un cane randagio, Tripode, per via delle tre zampe, e che loro insieme scelgono di adottare, sottraendolo alla morte certa. Diventano ciascuno per sé, se stessi, e insieme un nido, un luogo sicuro in cui far crescere fiducia e sogni, capaci così di affrontare lo scempio che i Vandali fanno del loro atelier, capaci di sostenere la perdita di Tripode, che viene massacrato dai Vandali, capaci di esporsi anche fuori del loro luogo sicuro. 
Non voglio svelarvi il finale, ma quello che davvero rende questo romanzo così luminoso è la sua autenticità: non c'è compiacimento educativo, non c'è retorica, non c'è reticenza e falso pudore nel narrare l'amore di due adolescenti, soli e ai margini, non c'è ridondanza o sovraesposizione dei sentimenti e delle emozioni, né sentimentalismo. Tutto è al proprio, proprio lì dove dovrebbe stare, come nella vita, e non per la sua perfezione, ma per il suo essere per ciascuno così come è. 
C'è invece dunque la vita così come spesso accade, piena zeppa di inconciliabili accadimenti, di ferite, di contraddizioni, di dolori e inspiegabili sorti, ma anche colma di vitale e genuina capacità di resistenza, narrata in prima persona nella voce della protagonista,  che sa trovare nell'arte della scrittura e della pittura, la via, il sentiero per tornare a riconoscere alla propria natura ferita dignità di esistenza. 
La scrittura è limpida, e procede come se le parole, messe una in fila all'altra, costituissero gli strumenti per scavare e andare sempre più in fondo, fino all'essenza, e mettere ordine, accogliere, ridestare, amare. 
Ma un nuovo e ulteriore motivo per non poter perdere questo libro sono le immagini affidate al talento di Daniel Sylvestre: schizzi, disegni, fotografie, che accompagnano le pagine del diario come una sorta di flusso di coscienza, che consente ai lettori un immersione ancora più profonda nei pensieri di Ophelia, dando profondità, prospettiva, magia al regno del non detto, alla vita per come a volte non sappiamo o abbiamo il coraggio di sentirla, toccarla, amarla e sì anche narrarla.
Davvero un libro imperdibile. 

Per voi Piccoli Lettori Crescono


Informazioni tecniche
Titolo: Ophelia
Autore: Charlotte Gingras
Illustratore: Daniel Sylvestre
Editore: EDT- Giralangolo
Pagine: 259
Formato: brossura, 21x13,5
Età di lettura: (14+)
Prezzo indicativo: (euro 15)
Codice EAN: 978-88-5925-704-2



SCELTI PER VOI: LE GRANDI MACCHINE DI LEONARDO

venerdì 13 settembre 2019



Provate a chiedere a qualcuno di parlarvi delle invenzioni di Leonardo da Vinci. Senza dubbio vi racconterà della bicicletta, del carro armato, dell’aeroplano. Forse anche del sottomarino. Ma saprà nominarne altre? Saprà parlarvi della gru girevole, della calcolatrice, dell’acciarino automatico? E che dire dei proiettili o dei cuscinetti a sfera? Eppure, in un certo senso, sono state le sue invenzioni più piccole e meno appariscenti a permettergli di ideare macchine sempre più utili e complesse e a stravolgere il nostro modo di vivere.

Nessuno mette in dubbio, ormai, che Leonardo sia stato un genio. Si interessava di tutto: di architettura, di ingegneria, di arte, di musica. E pensare che quando era bambino non aveva voglia di studiare. Scappava dalla finestra e se ne andava in mezzo ai campi, ad ammirare la natura che lo circondava; e una volta cresciuto, lo si vedeva aggirarsi per le strade della città e fermarsi a parlare con la gente che incontrava: raccoglieva informazioni e dettagli sul loro mestiere, e dava consigli su come renderlo più rapido e meno faticoso. Forse non avrà imparato il latino, ma di certo ha affinato il suo spirito di osservazione e soddisfatto la sua curiosità e la sua sete di conoscenza.

Di Leonardo ci sono rimasti tantissimi appunti, scritti – al rovescio, visto che era mancino – nel corso di una vita segnata dai continui spostamenti di città in città, in un’epoca, quella rinascimentale, in cui l’Italia era suddivisa in tanti “staterelli”. I periodi vissuti a Firenze, Milano, Venezia e Roma gli hanno offerto milioni di spunti per ideare nuove invenzioni, a seconda delle necessità dei cittadini o del loro Signore. Ponti girevoli in grado di spostarsi per lasciar passare le barche sul fiume, seghe idrauliche che permettono di tagliare con facilità i tronchi, balestre giganti da usare in guerra per intimorire i nemici. Tutti progetti, questi, che ritroviamo nei “taccuini” che ci ha lasciato Leonardo: non tutti sono stati realizzati, alcuni sono rimasti solo disegni e parole, utili però a generazioni future per dare vita, con nuovi strumenti e materiali, a ciò che il grande genio non era riuscito a portare a termine.

In questo libro, un immaginario discendente di Leonardo da Vinci ci conduce in un percorso alla scoperta di quaranta invenzioni, raccontandoci com’erano un tempo e come – o cosa – sono diventate oggi. Affronteremo così un viaggio diviso in otto sezioni tematiche: dall’ingegneria civile agli strumenti musicali, dalle macchine acquatiche a quelle volanti e a quelle militari. Per ogni invenzione vedremo il progetto così come era stato realizzato o concepito da Leonardo affiancato dal corrispettivo moderno: come l’acciarino automatico che noi oggi chiamiamo accendino o la ventola a contrappeso che si è trasformata in un moderno ventilatore.

A rendere ancora più ricco questo libro scritto da Davide Morosinotto – l’autore del Rinomato catalogo Walker & Dawn, della Sfolgorante luce di due stelle rosse e di Voi, tanto per intenderci – e da Christian Hill – un ingegnere aeronautico che ha capito che nella vita vuole fare lo scrittore – ci sono tante pagine ricche di aneddoti e approfondimenti su Leonardo da Vinci e una serie di esperimenti da realizzare in casa con oggetti e materiali facilmente recuperabili: ci aiuteranno a capire, per esempio, cosa si intende per attrito o perché gli aerei riescono a volare, ma ci spiegheranno anche come costruire un piccolo acquedotto con delle cannucce o un’automobile a palloncino con una scatoletta di succo di frutta.

Le grandi macchine di Leonardo è un libro che ci permette di aprire gli occhi sul mondo, per capire come funzionano o da dove provengono molti oggetti che usiamo abitualmente. E allo stesso tempo ci dà la possibilità di conoscere un po’ di più quel genio che ancora oggi, a cinquecento anni dalla sua morte, fa parlare ancora molto di sé, perché molti aspetti dei suoi scritti e della sua vita restano ancora avvolti nel mistero. E forse lo resteranno per sempre, come un segreto che nessuno sarà mai in grado di svelare. O un codice che nessuno potrà mai decifrare.

Informazioni tecniche

Titolo: Le grandi macchine di Leonardo. 40 invenzioni geniali: com'erano un tempo e come sono oggi
Autori: Davide Morosinotto e Christian Hill
Editore: Editoriale scienza
Pagine: 144
Formato: rilegato
Età di lettura: da 9 anni
Prezzo indicativo: € 22,90
Codice EAN: 9788873079736


Per Piccoli Lettori Crescono

Puoi leggermi anche qui

VETRINA-MENÙ: LE ULTIME SUI LIBRI PER BAMBINI E RAGAZZI

domenica 1 settembre 2019

Bentornati piccoli e grandi amici lettori. Iniziamo questo mese di settembre con un’altra carrellata di albi illustrati e narrativa per bambini e ragazzi scelti dalla nostra redazione. Buone letture a tutti!

Per ordine alfabetico:

Anna di Windy Poplars. Anna dai capelli rossi. Vol. 4
di Lucy Maud Montgomery
Tre anni dividono Anna e Gilbert dalla realizzazione del loro sogno d'amore. Anna è diventata preside del liceo di Summerside e si è trasferita in una vecchia casa, Windy Poplars. Quasi ogni giorno scrive buffe e tenere lettere al fidanzato lontano, per raccontargli i suoi pensieri e le nuove esperienze. La cittadina si rivelerà piena di persone e storie interessanti, ma nel cuore di Anna nessun posto è come Green Gahles! 
Editore: Gallucci
Collana: Universale d'Avventure e d'Osservazioni
Pagine: 329 p., Brossura
EAN: 9788893485777
Età di lettura: Da 10 anni
Prezzo: circa € 13,90

Brianna la secchiona
di Terri Libenson
Brianna è intelligente, seria e responsabile: una studentessa modello. Quanto vorrebbe imparare a lasciarsi andare, fare nuove amicizie e conquistare quel ragazzo che le piace tanto! Izzy invece è una sognatrice: si distrae in continuazione, non pensa ad altro che a inventare storie divertenti, e proprio non ne vuole sapere dello studio e dei compiti. Ma il talent show organizzato dalla scuola potrebbe inaspettatamente cambiare tutto, e far scoprire a Izzy e Brianna che sono molto più vicine di quanto avrebbero mai creduto...
Editore: Fabbri
Collana: Fabbri Like
Pagine: 224 p., ill. , Rilegato
EAN: 9788891580672
Età di lettura: Da 9 anni
Prezzo: circa € 16,00

C'è un dinosauro al tredicesimo piano 
di Wade Bradford
Piano dopo piano Mr Sleepy non riesce mai a trovare una stanza libera per poter dormire... Qualche strano animale la sta occupando!
Chi sarà? 
Ma soprattutto che cosa ci farà al tredicesimo piano?
Illustratore: Kevin Hawkes
Editore: Nord-Sud
Collana: Libri illustrati
Pagine: 32 p., ill. , Rilegato
EAN: 9788865269862
Età di lettura: Da 5 anni
Prezzo: circa € 14,90

Else-Marie e i suoi sette piccoli papà
di Pija Lindenbaum
Com'è avere 7 papà anziché uno solo? A parte qualche inconveniente di natura pratica, per Else-Marie questa è la normalità. Ma le sue sicurezze sembrano venire meno quando i papà decidono, un bel giorno, di venire a prenderla a scuola... Una storia divertente che affronta una singolare situazione familiare che, forse a ben guardare, ha qualcosa in comune con tante situazioni di oggi.
Editore: Il Barbagianni
Pagine: 32 p., ill. , Rilegato
EAN: 9788897865087
Età di lettura: Da 5 anni
Prezzo: circa € 16,50

Fili
di Torill Kove
Un libro toccante e poetico per trovare i fili che ci legano gli uni agli altri, scoprire giorno dopo giorno la bellezza e la complessità di un sentimento forte come l'amore che lega, annoda, tesse e tesse... Da leggere a tutte le età!
Editore: EDT-Giralangolo
Pagine: 36 p., ill. , Rilegato
EAN: 9788859257868
Età di lettura: a partire dai 6 anni
Prezzo: circa € 10,00

Il club delle gazze ladre
di Emanuela Da Ros
Inquiete, sfrontate, aggressive. Scontente. Cinque terribili ragazze alla ricerca di "qualcosa di diverso, ma divertente", dentro e fuori dalla scuola, per non annoiarsi pianificano azioni sempre più rischiose e illegali... Ma la prova più grande che dovranno affrontare arriverà imprevista. E sarà la più difficile!Editore: Feltrinelli
Collana: Up Feltrinelli
Pagine: 224 p.
EAN: 9788807910548
Età di lettura: Da 11 anni
Prezzo: circa € 15,00

Il canto della balena
di Kim Crabeels
Lilja vive in un faro, è la custode dell'aurora boreale. Suo padre che è un ricercatore spesso se ne va per mare mare. Dopo ogni viaggio di esplorazione, Lilja riceve dal suo papà un piccolo regalo. Ha già un'intera collezione di doni provenenti dal mare. Un giorno suo padre le racconta di una strana balena che nuota sempre da sola perchè  le altre della sua specie non riescono a sentirla...
Editore:Sinnos
EAN:9788876094293
ISBN:8876094296
Età di lettura: Da 5 anni
Prezzo: circa € 13,00

La casa che mi porta via
di Sophie Anderson
Marinka ha dodici anni e la cosa che vuole di più al mondo è trovare un amico. Un amico vero, in carne e ossa, umano. Ma non è facile farsi degli amici se si è nipoti di Baba Yaga e si vive con lei in una casa con zampe di gallina che si sposta in continuazione. La nonna di Marinka, infatti, è una Guardiana dei Cancelli che accompagna le persone nell'aldilà e anche lei è destinata a seguire le sue orme. Ma si deve per forza obbedire al destino che qualcun altro ci ha assegnato? Marinka non sopporta più la solitudine in cui è costretta a vivere e quando conosce una ragazza della sua età, forse l'amica che cercava, rompe tutte le regole. Non immagina certo le conseguenze!
Illustratore: Elisa Paganelli
Editore: Rizzoli
Collana: Narrativa Ragazzi
Pagine: 330 p., ill. , Rilegato
EAN: 9788817108485
Età di lettura: Da 9 anni
Prezzo: circa € 17,00

La treccia. Il viaggio di Lalita
di Colombani Laetitia
Come ogni mattina, Smita scioglie i capelli di sua figlia Lalita. Non glieli ha mai tagliati, perché in India le donne si lasciano crescere i capelli per molto tempo, a volte anche per tutta la vita. Li divide in tre ciocche e ne fa una treccia. Ma oggi non è un giorno come gli altri. Oggi per Lalita è il primo giorno di scuola...
Tre donne, tre luoghi del mondo, tre destini a cui sfuggire... di coraggio e resilienza femminile.
Smita, Giulia e Sarah hanno tre vite separate e diversissime, ma il racconto delle loro storie in questo romanzo si alternerà, come le ciocche di capelli all’interno di una treccia. Smita è indiana ed è un’intoccabile. La sua esistenza e quella della figlia sono incatenate da quando sono venute al mondo, ma Smita non è disposta a tollerare che sua figlia abbia il suo stesso orribile destino. La sola speranza della donna è quella di fuggire e lasciare l'India per sempre. Giulia, invece, è una ragazza palermitana che lavora con passione e dedizione nel laboratorio artigianale di famiglia. Il suo è un mestiere particolare: produce parrucche con capelli veri, destinate principalmente ai malati di cancro. Un giorno però, guardando i conti di famiglia, Giulia scopre che il padre ha debiti così ingenti che è da ritenere a rischio la sopravvivenza dell'azienda. La ragazza dovrà perciò tentare il tutto per tutto per salvare la bottega, e con essa il sorriso che le loro parrucche regalano agli ammalati. Sarah è una di loro: vive a Montreal ed è un avvocato di successo, finché un brutto giorno i medici le diagnosticano un cancro. La sua vita da donna in carriera è destinata a cambiare per sempre.
Tre donne di diverse età che si confrontano con le grandi sfide della vita, pronte a cambiare e a sconfiggere il dolore, per rinascere più forti di prima. Un inno al coraggio e alla resilienza femminile!
Illustratore: Clémence Pollet
Editore: Nord-Sud
Collana: Libri illustrati
Pagine: 48 p., ill. , Rilegato
EAN: 9788865269879
Età di lettura: Da 7 anni in sù
Prezzo: circa € 14,90

Le lanterne di Zeno. Storia di un bambino autistico
di An Swerts
Domani sarà il compleanno di Zeno. Anna, la sua migliore amica, è molto eccitata. Ma non Zeno. Lui non ama i compleanni. Quel giorno non sa mai che cosa succederà. Per fortuna nonno Leo e Anna conoscono bene Zeno, così pianificano la giornata insieme. Sarà un compleanno fantastico! Ma, poi, Anna annuncia una sorpresa per lui... Una dolcissima storia per bambini  che include  informazioni e consigli pratici utili per gli adulti.
Illustratore: Aron Dijkstra
Editore: Clavis
Collana: Album illustrati
Pagine: 48 p., ill. , Rilegato
EAN: 9788862584517
Età di lettura: Da 6 anni in sù
Prezzo: circa € 15,95

Margherita e Margherita
di Vincent Cuvellier
Due ragazzine vissute a cent'anni di distanza si ritrovano catapultate una nella vita dell'altra! Margherita e Margherita sono praticamente identiche. Hanno entrambe dodici anni, vivono nella stessa strada, nella stessa casa. Ma c'è una piccola differenza: una vive nel 1910, l'altra nel 2010. Un sabato mattina del 1910, Margherita sale in soffitta e trova un vecchio baule, dove è nascosto un misterioso abito. Un sabato mattina del 2010, l'altra Mergherita sale in soffitta e trova un vecchio baule, dove è nascosto un misterioso abito. Dopo averlo indossato, si trovano una nell'epoca dell'altra! Una bellissima graphic-novel tutta da scoprire per viaggiare nel tempo!
Illustratore: Robin
Editore: Il Castoro
Collana: Il Castoro bambini
Pagine: 122 p., ill. , Rilegato
EAN: 9788869664571
Età di lettura: Da 8 anni
Prezzo: circa € 16,00
CopyRight © | Piccoli Lettori Crescono - Book Avenue KIDS
Privacy Policy https://bookavenue.it/privacy.html