Slider

Compiti a casa? No, in Florida solo 20 minuti di lettura

giovedì 27 luglio 2017

Libri per i bimbi della scuola elementare nel progetto sperimentale della contea di Marion. 
Molti pedagogisti dicono di sostituire con le lettura i compiti delle vacanze.
Venti minuti di lettura ogni sera. È il compito che sostituirà i compiti dal prossimo anno scolastico in un distretto della Florida. Non ci saranno più gli esercizi da fare a casa alla scuola elementare, ma libri da leggere.
Nella contea di Marion si sperimenta quello che da tempo pedagogisti e insegnanti dibattono: i compiti a casa sono utili o no? La questione si pone soprattutto per gli studenti più giovani, i bambini della scuola elementare e su questi appunto si testa il nuovo sistema.
Heidi Maier, dirigente del distretto scolastico, ha spiegato al Washington Post che preso la decisione di eliminare i compiti studiando testi accademici che riportano quando la lettura sia più utile dei tradizionali esercizi e porti a migliori risultati nello studio negli anni successivi.

Di questa opinione era anche l’oncologo Umberto Veronesi, contrario al principio dei compiti a casa, che avrebbero portato, a suo parere, solo a nozionismo, non alla formazione di interessi e passioni che dovrebbe essere invece lo scopo della scuola.
«Il sovraccarico del compito toglie tempo alla riflessione»

Il sovraccarico, non il compito.
Il compito serve, è un mettersi alla prova e un imparare l’organizzazione. In termini di quantità però i compiti si potrebbero ridurre.I bambini devono fare i bambini, leggere è la soluzione, in particolare d’estate. Leggere qualsiasi cosa. E magari scrivere qualcosa di quello che si è letto. C’è invece ancora un’idea un po’ retrograda del tanto e del classico, le cose deve essere fatte sempre nello stesso modo.

Di Chiara Pizzimenti
CopyRight © | Piccoli Lettori Crescono - Book Avenue KIDS
Privacy Policy https://bookavenue.it/privacy.html