Slider

SCELTI PER VOI: UNA ZUPPA DI SASSO

giovedì 27 dicembre 2018



Prendere spunto da una vecchia favola e farne una storia nuova, sembra il destino dei classici, ma non sempre funziona. Ad Anaȉs Vaugelade è riuscita l'alchimia con Una zuppa di sasso. La storia, come sappiamo, conosce infinite varianti, quella dell'autrice e illustratrice francese si presta particolarmente a una lettura contemporanea aperta all'inclusione in senso lato. 

Una notte d'inverno arriva un lupo e bussa alla porta della prima casa che incontra nel villaggio, dove abita una gallina che, ovviamente spaventata dalla sua presenza, non vorrebbe farlo entrare, ma il lupo sa essere convincente, in fondo chiede solo un po' di calore e la possibilità di fare una zuppa. Nonostante la diffidenza, la gallina lo fa accomodare nella sua casetta e subito il lupo estrae dal suo sacco una grossa pietra, chiedendo una pentola e altro. E qui subentra la comunità tutta del villaggio perché gli animali, uno dopo l'altro, nel sincerarsi che la gallina non sia in pericolo, vengono coinvolti nella preparazione della zuppa portando ingredienti vari. Tutti dapprima sospettosi e poi collaborativi in un'impresa quanto mai insolita, quella appunto di preparare e infine consumare una zuppa nientemeno che con il lupo. La matita dell'autrice non ha tralasciato nulla per enfatizzare il suo aspetto feroce, e gli occhi paiono sempre avere una luce ambigua, tuttavia la serata volge al meglio, fino al brindisi finale, fino al saluto del lupo che, dopo aver saggiato la cottura del sasso, trovandolo ancora durissimo, lo ripone nel suo sacco e lascia la combriccola e il villaggio nel cuore della notte. 

Il finale scelto da Anaȉs Vaugelade porta generalmente i piccoli lettori e lettrici a dispiacersi della partenza del lupo, senza peraltro avere alcuna certezza del suo ritorno, forse perché l'atmosfera creata dalla zuppa condivisa ha fatto intravvedere un futuro di amicizia. Come se le buone maniere, l'accoglienza generosa, la compagnia allegra di tutti potesse annullare le barriere, le paure, i pericoli, le differenze tra gli animali. Forse occorre tener presente che, nel periodo storico che stiamo vivendo, i bambini e le bambine sentono parlare attorno a loro di migranti, di insicurezza e, senza potersi spiegare fatti e problemi, ne fanno però esperienza in qualche misura, sempre filtrata dalla mediazione degli adulti attorno a loro. Questa favola pacificatrice si pone come una narrazione fuori dal coro, senza porre problemi, senza presentare soluzioni, però lasciando libera l'immaginazione di piccoli e adulti verso una possibilità a cui tendere.
Informazioni tecniche:
Una zuppa di sasso
di Anaïs Vaugelade
Traduttore: A. Morpurgo
Editore: Babalibri
Collana: Bababum
Pagine: 26 p., ill. , Brossura
EAN: 9788883622618
Età di lettura: Da 4 anni
Prezzo: € 4,50 

Per Piccoli Lettori Crescono
Puoi leggermi anche qui

CopyRight © | Piccoli Lettori Crescono - Book Avenue KIDS
Privacy Policy https://bookavenue.it/privacy.html